Il banditismo in Ronda

  • Il banditismo in Ronda

Il banditismo in Ronda

Storicamente  nel 1810 le truppe francesi arrivano a Ronda al comando di Giuseppe Bonaparte. Oltre 1400 persona unì alle truppe contro i francesi, che furono sconfitti nella battaglia di Bailen. Da quel momento un gruppo di guerriglieri si deposita in montagna, costringendo i francesi a mantenere un esercito in Ronda.

Questa guerra con i francesi avevano distrutto l’Alcázar, mulini, frantoi e le coltivazioni, portando la popolazione a una povertà precario, quindi le persone di raggruppamento ha visto e contrabbandieri in rotta verso Gibilterra fino all’inizio del XX secolo.

Con la cacciata dei Francesi dalla Serranía, inizia la storia dei banditi, guerriglieri uomini aggredito prima il modo legale francese e ora senza risorse per sostenere se stessi e le loro famiglie continuano a razziare, ma illegalmente, trattamento di vittime di forma male o romantico a volte. Nelle leggende di banditi, o bandoleros, evidenzia il carattere liberale sempre rivolto di Rondeños, oppressivi e forza dittatoriale, gli amanti della natura e della vita, legata alla povertà e le ingiustizie del tempo e alla destra di proclamazione. La parola bandolero in spagnolo viene dal lato di proclamare i lati in difesa o contro.

Uomini fuorilegge condannato a volte insignificanti, ma trattava tutti con lo stesso pennello la cui opzione solo per sfuggire alla condanna di allora quasi sempre la morte, fu la peculiare rifugio in ambiente montano.

Ci sono molte leggende legate ai banditi può far credere di essere solo, ma ci sono documenti contemporanei riaffermando le sue imprese, la sua esistenza, la sua carica politicamente, ecc. Abbiamo per esempio i diari del tempo come“El Serrano” de 1846, “El Ramillete” de 1855, “El Rondeño” e nuovi documenti della Guardia Civil è stato determinante nella lotta contro questi fuorilegge, forse più umile cittadino per i fuorilegge che non si vedevano male perché la gente cerca di sopravvivere, ha preso giustizia con le proprie mani e aggredito solo chi aveva un sacco. Per alcuni erano eroi semplici e altri fuorilegge. Ci sono prove della lotta tra banditi e forze di sicurezza al s. XX.

Il bandito nel Serrania de Ronda è stata molto unita nella maggior parte dei casi il contrabbando di merci in rotta verso Gibilterra e gli appassionati della corrida, esempio abbiamo José M ª Tempranillo, Juan Caballero, il famoso Vivillo, e come non José Ulloa Navarro “Tragabuches”, uno dei componenti dei sette figli di Ecija combattimenti contro le truppe francesi, oltre bandito, contrabbandiere e torero, cantante anche, i dire abbastanza bene.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>